Check delle conoscenze sulla cartella informatizzata del paziente (CIP)

Chi partecipa alla CIP

Tutti i residenti in Svizzera possono aprire facoltativamente una CIP. La partecipazione di ospedali e case di cura è invece obbligatoria.

Per persone malate e sane

Anche se si chiama «Cartella informatizzata del paziente» non bisogna essere malati per aprirne una. Anche chi è sano può avere una CIP e archiviarvi per esempio il libretto di vaccinazione o la tessera di donatore di organi.

Obbligo per ospedali e case di cura

Dal 2022 gli ospedali per cure acute, le cliniche di riabilitazione e quelle psichiatriche stanno introducendo gradualmente la CIP, come pure le case di cura e le case per partorienti. Questo significa che, da questo momento, queste strutture sono tenute a rendere accessibili nella CIP le informazioni sanitarie dei loro pazienti.

Facoltativa per gli altri professionisti della salute

Per tutti gli altri professionisti della salute, come ad esempio i medici con studio proprio, i farmacisti o i servizi Spitex, l’adesione è facoltativa. Gli studi medici del settore ambulatoriale appena autorizzati costituiscono un’eccezione: il loro obbligo di adesione alla CIP decorre dal 1° gennaio 2022. Secondo il Barometro eHealth, la maggior parte dei professionisti della salute sono favorevoli alla CIP. Più il numero di persone partecipanti alla CIP sarà elevato, maggiore sarà la sua utilità.

Check delle conoscenze
Sono una dietista in regime di libera professione. Posso aderire alla CIP?

Seleziona tutte le risposte corrette (è possibile selezionarne più di una):